Dal piccolo diario manoscritto di mamma Giuliana Paoletti, in Massidda

diario1Mercoledì 12 febbraio 1947 nasce Enrico, alle ore 6 del mattino, nella clinica Villa Valeria, p.za Carnaro 5, Roma. Giovedì 20 febbraio ’47 alle ore 11 Enrico giunge a casa, v.le Eritrea 32, Roma, tel. 883.991. Sono con lui la sua mamma, il suo babbo, la nonna Gisella e la zia Emma. Martedì 11 marzo ’47 Enrico viene visitato a casa dal prof. Iorago (?) che gli riscontra una lieve dispesia causata dal troppo latte. Mercoledì 12 marzo Enrico viene battezzato nella Parrocchia di S. Emerenziana di viale Eritrea, la mattina alle ore 10. Ha per madrina la nonna Gisella e per padrino il nonno Alfredo. Dopo qualche giorno partono i nonni, poi la zia Emma, ed arriva la zia Elena. Enrico fa 6 poppate al giorno e la notte fa un bel sonno di 6 ore. A 3 mesi fa 5 poppate invece di 6, e la notte fa un sonno ancora più lungo. Domenica 20 luglio, a 5 mesi e 8 giorni, Enrico ha spuntato i primi due dentini, e precisamente i due incisivi inferiori. Enrico prende sempre le sue 5 poppate e un’arancia spremuta con lo zucchero, che sembra gli piaccia molto. Siamo vicini a partire per Firenze e Stia. Martedì 22 luglio Enrico va in passeggiata alla clinica pediatrica, con la sua mamma e la zia Emma. Lo visita il prof. e lo trova sano. Gli ordina la catebacillina e 5 pasti a queste ore: 6, 10, 14, 18, 22. Giovedì 24 luglio ho pesato Enrico alla Farmochimica: Kg 7 e 650 gr, con questi vestiti: Pimperi a quadretti, pezza, fascia, maglina, camicina, scarpine, spillo (280 gr., controllati a casa). Il 25 luglio Cicci parte con la mamma e la zia Emma per Firenze. Partenza ore 14, arrivo ore 20,30 circa. Caldo da morire, e durante il viaggio Cicci è cattivo: piange quasi sempre. A Firenze, Enrico è buono e piace a tutti. Il 2 agosto arriva anche papà. Quindi si va un po’ a Stia dove Cicci sta molto bene. In agosto la prima foto di Enrico a Firenze. A Stia il 14 agosto Cicci comincia a prendere la prima pappa di farina di grano tostata. Il 27 agosto si torna a Firenze. Cicci è buonissimo nella Stas. Altre foto. Il 1 settembre seconda pappina: fasfatina failieres. Dodolino fa 5 pasti così: ore 5 latte mio, ore 9 fasfatina, 12,30 latte mio, 16,30 farinatina tostata; ore 20,30 latte mio. Papà è partito per Roma ieri 11 settembre. Oggi 12 settembre Enrico compie 7 mesi e gli sono spuntati i due incisivi superiori. Enrico partirà per Roma domenica 14 settembre con la mamma sul rapido delle 14,15. Il nonno Alfredo ha regalato a Enrico un bel carrettino bianco e rosso. Cicci torna a Roma con la mamma all’ottavo mese. Viene divorato (?) completamente. Prende molto filosoficamente la cosa. A nove mesi Cicci va con la mamma e la zia dalla dott. Moretti (al Policlinico) che lo trova bene. Pesa Kg 8,750 nudo. Cicci rende il prestovit (?). In seguito prende l’uovo, prima a metà, poi intero e gli piace molto nel semolino fatto col brodo di verdura passata. Da quando è tornato da Firenze Cicci sta nel box e nel seggiolino. Vengono la nonna e la zia dalla Sardegna, rimane la zia Oretta finché non arriva la tata Franca. Cicci va fuori col cappottino celeste e il mefisto celeste. In casa comincia a fare i primi passi alla fine di novembre. A Natale Cicci ha avuto l’alberino piccolo piccolo, poi la trottola, il tamburo e la trombetta. Per l’Epifania lo zio Manrico gli manda due calate (?). Poi arriva la pelliccina di coniglio bianco. In gennaio Cicci porta le pantofoline per casa e per fuori le scarpine bianche. Al 1 febbraio Cicci è bravo, cammina quasi da solo , ha otto (8) dentini, dice mamma, pappa poi il cavallone (?), gioca con la palla e fa la pipì nel vasino (che poco tempo fà ha sbeccato con un calcio!). Cicci si avvicina a passare il suo primo compleanno, e presto andrà a Firenze. A tutto il 1 febbraio 1948 Cicci fa 4 pasti: 7 latte con biscotti (o Melein o Galuti (?)). 11-12 semolino con uovo. 16-17 caseo bacillina (?). 20-21 crema di riso. Dalle 5 alle 8 circa di pomeriggio, Cicci dorme nella cullina, poi mangia, poi nanna di nuovo con la mamma. Il 10 febbraio Cicci cammina solo: va in cucina da solo tentennoni con le braccia tese in avanti. Ora Cicci va a nanna alle 7 e mezzo. 12 febbraio. 1° compleanno di Cicci, che dice mamma mamma, bello bello. Cicci tira il carrettino coi pulcini, e vuole molto bene al suo Pippo (gli ha dato mamma). Però quando vede i bambini, Cicci li vuole prendere e poi li picchia…vuole giocare.

Questa voce è stata pubblicata in My life. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Dal piccolo diario manoscritto di mamma Giuliana Paoletti, in Massidda

  1. Alessandra Del Nobolo scrive:

    Stupendo! Grande Cicci…. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *